È partito da Trento HACK@2021, il circuito on line universitario di risoluzione di problemi di ottimizzazione riservato a studenti, laureandi e neolaureati in informatica, ingegneria informatica e in generale in discipline STEM under 30 anni.

Il 30 aprile, i giovani talenti dell’Università di Trento, che ha patrocinato l’evento, si sono confrontati in una competizione di 5 ore per risolvere un task potendo utilizzare qualsiasi linguaggio di programmazione e qualsiasi software. Quattro concorrenti hanno conseguito lo stesso punteggio e per decretare i due che parteciperanno alla Finale Nazionale di metà dicembre è stato necessario risalire al tempo di invio delle rispettive soluzioni. In base al regolamento, Alessandro Sartori e Quintino Francesco Lotito sono i primi due finalisti ad accedere all’ultimo atto del circuito in quello che già dalle prime battute si configura come un interessante ed avvincente showdown.

Il format HACK@ prevede la presenza di aziende che durante il contest interagiscono con i partecipanti per presentare loro le rispettive organizzazioni, orientarli in percorsi professionali e formativi post-lauream e per fornire loro qualche consiglio sulla gara. Ancora, al termine del contest, i referenti aziendali possono porre ai primi tre classificati delle domande tecniche sulle modalità di realizzazione dell’algoritmo e sul tipo di linguaggio di programmazione utilizzato. In HACK@Trento questo ruolo è stato brillantemente svolto dai referenti aziendali di Allitude, Deloitte e QiBit specialmente quando si è passato al question time previsto a fine evento, sotto la supervisione del Prof. Alberto Montresor del DISI-UNITN.

È stata una gara avvincente, con diversi colpi di scena. Il cammino è appena cominciato…